Come parlare l'italiano in modo naturale

Usa queste 5 espressioni idiomatiche e parla l'italiano naturalmente! (video-lezione di italiano per stranieri)

In questa video-lezione di lingua italiana per stranieri spiego 5 espressioni che ti aiuteranno ad ampliare il tuo vocabolario e a parlare l'italiano in modo autentico.

Per far partire il video, cliccaci sopra!

Trascrizione completa del video | English version

Ti potrebbero interessare anche queste video-lezioni

Trascrizione completa del video

Di seguito trovi il testo del video | Full English transcript

Se vuoi parlare l'italiano in modo naturale, sei nel posto giusto!

In questo video spiegherò cinque frasi ed espressioni naturali che potrai usare per parlare l'italiano in modo espressivo e autentico.

Se userai queste frasi quando parli in italiano, farai sicuramente bella figura e dimostrerai di conoscere bene la lingua italiana. Dico così perché queste sono espressioni naturali e informali che, di solito, vengono usate soltanto dai madrelingua italiani.

Ma partiamo subito con la prima  di queste espressioni colloquiali!

La prima espressione naturale di cui volevo parlare è: dirne quattro a qualcuno.

Ti faccio subito un esempio!

"Questo problema l'ha causato il mio collega. Appena lo vedo, gliene dico quattro!"

Un'altra frase di esempio potrebbe essere questa: "La mia vicina tiene sempre la musica a tutto volume. Domani gliene dico quattro!"

E la terza frase di esempio potrebbe essere questa: "Ho scoperto che Chiara va in giro a dire cose false su di me. Quando la vedo, gliene dico quattro!"

Ecco, come puoi capire da queste frasi di esempio, "dirne quattro a qualcuno" significa rivolgersi a qualcuno in modo duro, cioè rimproverare duramente una persona, in particolare insultandola o accusandola per qualcosa che ha fatto.

Fai attenzione che l'espressione è "dirne quattro", non è "dire quattro", quindi in tutte le voci deve comparire la particella NE. Non puoi dire soltanto "Gli dico quattro" oppure "Le dico quattro". Devi dire "Gliene dico quattro".

La parola "gliene" probabilmente la conosci. Non ha nessun legame con gli animali chiamati iene, ma è un pronome combinato.

Alcuni questi pronomi li chiamano "pronomi combinati", altri li chiamano "pronomi doppi", altre persone ancora li chiamano "pronomi composti". Comunque sia, hai capito di cosa si tratta.

Diciamo che, in generale, questa espressione la troverai quasi sempre in riferimento a lui oppure a lei, quindi con il pronome combinato "gliene". E in particolare la forma più comune è sicuramente "Gliene dico quattro".

Tra parentesi, in italiano esistono veramente tante espressioni con il numero 4. Qualche mese fa ho fatto una video-lezione proprio sulle espressioni con il numero 4. Qui in alto ti lascio la scheda di questa lezione! Se vuoi ampliare il tuo vocabolario imparando nuove espressioni informali, cliccaci sopra!

Ma vediamo la seconda espressione naturale!

La seconda espressione colloquiale di cui volevo parlare è: alla faccia di.

Quindi questa espressione si compone di tre parti: c'è "alla faccia", poi c'è la preposizione "di" e poi c'è un sostantivo.

Master combo!

Ti faccio subito un esempio!

"Alla faccia della dieta! Hai detto di voler dimagrire e ti sei mangiato mezza torta!"

La seconda frase di esempio potrebbe essere questa: "Alla faccia dello sconto! Invece di spendere 20 Euro" - no che....

"Alla faccia dello sconto! Invece di spendere 10 Euro, ne ho spesi 20!

La terza frase di esempio potrebbe essere: "Alla faccia del vegano! Mangia le uova e dice di essere vegano!"

E un altro esempio potrebbe essere: "Alla faccia dell'italiano avanzato! Queste cose vanno bene per un corso di italiano per principianti!"

Ecco, come puoi capire da queste frasi di esempio, l'espressione "alla faccia di" viene usata per esprimere sorpresa in senso negativo. In altre parole, si usa quando c'è una forte contraddizione tra la realtà e quello che viene detto.

In uno dei miei esempi c'era una persona che diceva di essere vegana e però mangiava le uova.

Volendo, questa espressione si potrebbe sostituire con "ma quale" più una frase esclamativa. Per esempio, io potrei dire: "Ma quale vegano!" Oppure: "Ma quale vegano e vegano! Mangia le uova e dice di essere vegano!"

Ma vediamo la terza espressione!

La terza frase informale di cui volevo parlare è: "e chi s'è visto s'è visto!"

Ti faccio subito un esempio!

"Alla fine mi sono stancato di quel lavoro. Ho parlato col direttore, ho dato le dimissioni e chi s'è visto s'è visto!"

La seconda frase di esempio potrebbe essere questa: "Ho fatto le valigie, sono andato in aeroporto e chi s'è visto s'è visto!"

E un altro esempio potrebbe essere il seguente: "I soldi non darglieli subito, daglieli alla fine del lavoro, se no quello si prende i soldi e chi s'è visto s'è visto!"

Ecco, come puoi capire da questi esempi, la frase fatta "e chi s'è visto s'è visto" viene usata come conclusione. Questa frase idiomatica potrebbe essere parafrasata in questo modo: ed è finita così. Oppure: e la storia finisce qui. Oppure: e la storia finisce così.

Diciamo che, in particolare, questo modo di dire sottolinea il fatto che questa è stata la fine della vicenda e dopo non ci sono stati ulteriori sviluppi. La vicenda si è conclusa così in modo definitivo.

Non so se conosci la frase idiomatica "E buonanotte al secchio!" Ecco, diciamo che la frase "E chi s'è visto s'è visto" è molto simile alla frase "E buonanotte al secchio".

Quando ero giovane, ho fatto un video anche su questa frase idiomatica. Credo che sia uno dei miei primi video. Mi ricordo che all'epoca sul tavolo tenevo un vaso con dei girasoli. Se ti piacciono i girasoli, ma soprattutto se vuoi ampliare il tuo lessico italiano, mi raccomando, dai un'occhiata anche a quel video! Qui in alto ti lascio la scheda. Se vuoi, cliccaci sopra!

Ma vediamo la quarta espressione naturale!

La quarta espressione informale di cui volevo parlare è: "andare a parare".

Ti faccio subito un esempio!

"Non ho capito dove vuole andare a parare con i suoi discorsi".

Un altro esempio potrebbe essere il seguente: "Non capisco le tue allusioni. Dove vuoi andare a parare?"

E la terza frase di esempio potrebbe essere: "Ok, questa cosa l'ho capita, ma non capisco dove vuoi andare a parare".

Come puoi capire da queste frasi di esempio, "andare a parare" significa mirare oppure tendere. Una persona che chiede "Dove vuoi andare a parare?" - va be', qua l'intonazione è andata a farsi benedire... ok.

Una persona che chiede "Dove vuoi andare a parare?" vuole sapere qual è il punto centrale di una questione, dove mira un determinato discorso, cioè qual è il suo obiettivo, qual è la sua conclusione. Fondamentalmente, chiedere "Dove vuoi andare a parare?" equivale a chiedere qual è il punto della questione, cioè qual è l'obiettivo del discorso.

Ma vediamo la quinta espressione!

Il quinto modo di dire informale di cui volevo parlare è: "da strapazzo".

Ti faccio subito una frase di esempio!

"Non è un grande artista. È un pittore da strapazzo".

Un altro esempio potrebbe essere: "Il tuo insegnante di italiano non è un vero professore, è un insegnante da strapazzo".

Il terzo esempio potrebbe essere: "Ho bisogno di un buon avvocato, non di un avvocato da strapazzo".

E un altro esempio potrebbe essere: "Su internet è pieno di insegnanti da strapazzo che dicono che studiare la grammatica è dannoso".

Come puoi capire da queste frasi, "da strapazzo" vuol dire che vale poco o che non è competente.

Originariamente questa espressione veniva usata in riferimento a degli oggetti di scarso valore che potevano essere usati così, senza fare attenzione a non rovinarli. Per esempio: "Questi sono pantaloni da strapazzo, li uso solo per lavorare in giardino".

Oggi questa espressione idiomatica si può usare sia in riferimento agli oggetti, sia in riferimento alle persone. Comunque secondo me viene usata più spesso in riferimento alle persone.

Ecco, spero che queste espressioni italiane e questa camicia color vinaccia ti siano piaciute!

Come dicevo, queste sono espressioni e frasi colloquiali che vengono usate soltanto  dai madrelingua italiani e da chi conosce veramente molto bene la lingua italiana. Sono sicuro che ti aiuteranno a rendere il tuo italiano più naturale ed espressivo!

Purtroppo, lo sai meglio di me, ai corsi italiano tendono a insegnare soltanto le espressioni più formali. Per parlare in modo autentico,  però, è fondamentale conoscere anche le espressioni colloquiali gergali.

Se ti interessa l'italiano colloquiale e vuoi ampliare il tuo vocabolario, ti consiglio caldamente di iscriverti al mio canale!

Nel frattempo, qui in alto ti lascio un video che ti consiglio di guardare. Se vuoi parlare fluentemente l'italiano, mi raccomando, dagli un'occhiata!

E che la forza della lingua italiana sia con te!

Per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove lezioni,
ISCRIVITI al mio canale YouTube e attiva le notifiche!

Il mio canale è: Learn Italian with Luca - unlearningitalian.

Sul mio canale puoi trovare quasi 400 lezioni gratuite di italiano.

Di solito pubblico una o due nuove lezioni a settimana.

Guarda anche queste lezioni!