Come usare la parola ECCO in italiano

Cosa significa e come si usa la parola "ECCO"?

In questo video spiego cosa significa "ecco" e come si usa questa parola. Più precisamente, spiego 8 significati della parola "ecco".

Per far partire il video, cliccaci sopra!

Trascrizione completa del video | English version

Ti potrebbero interessare anche queste video-lezioni

Trascrizione completa del video

Di seguito trovi il testo del video | Full English transcript

In questa videolezione spiego come usare ECCO in italiano. La parola "ecco" è molto, molto, molto usata e, se vuoi parlare l'italiano in modo naturale, non puoi non conoscerla.In questa lezione spiegherò in modo dettagliato cosa significa e come si usa questa parola.

Se preferisci, puoi attivare i sottotitoli in italiano o in inglese. Quindi se vuoi guardare questa video-lezione con i sottotitoli, puoi farlo.

Io sono Luca e ti do il benvenuto sul mio canale! Welcome!

Molte persone che hanno imparato l'italiano come lingua straniera in realtà mi hanno detto di avere dei problemi con questa parola. Credo che il problema sia dovuto, almeno in parte, al fatto che la parola "ecco" può avere vari significati e può essere usata in modi diversi.

In questo video farò alcuni esempi concreti per farti capire le varie funzioni di "ecco" all'interno di una frase. In particolare, spiegherò otto modi diversi di usare la parola ECCO.

Ma passiamo subito al primo modo di usare la parola "ecco"!

In primo luogo, la parola ECCO può essere usata per richiamare l'attenzione su qualcosa che contemporaneamente si indica oppure si mostra.

Per esempio, se una persona mi chiede: "Scusi dov'è il castello?" "Scusi dov'è il castello?" Va be', qua ci sono problemi di intonazione. Comunque... Scusi, mi potrebbe dire dov'è il castello?

Io a questa persona potrei indicare il castello  che si vede in lontananza, quindi fare così e dire: "Ecco il castello!" Quindi la parola ECCO viene usata mentre si indica qualcosa. Io indico il castello e dico: "Ecco il castello!"

Oppure facciamo finta che io e un mio amico siamo alla stazione dei pullman. Facciamo finta che stiamo cercando il nostro pullman e che non riusciamo a trovarlo. Poi a un certo punto io vedo il pullman che dobbiamo prendere, lo indico e dico: "Ecco il nostro pullman!".

Un altro esempio potrebbe essere il seguente. Facciamo finta che questo sia un libro. Va be', non è un libro, è un pezzo di carta. È un foglio di carta. Comunque sia, facciamo finta che sia un libro.

Mentre do questo libro al mio amico, gli posso dire: "Ecco il libro di cui ti avevo parlato". Quindi in questo caso non sto indicando il libro, però chiaramente sto mostrando il libro e quindi dico: "Ecco il libro di cui ti avevo parlato".

Oppure, se gli sto restituendo il suolibro, gli posso dire: "Ecco il tuo libro".

Oppure, mentre do un regalo a una persona, le posso dire: "Ecco il tuo regalo!". Quindi, mentre le do il regalo, le dico: "Ecco il tuo regalo".

La parola ECCO si può usare anche in riferimento a cose che non sono visibili in senso concreto. Quindi anche a cose astratte, diciamo.

Quindi, se io vedo una persona che mi sembra felice, posso dire: "Ecco un uomo felice!". Oppure, un altro esempio potrebbe essere: "Ecco la vera felicità!". La felicità chiaramente è una cosa astratta, non è visibile in senso fisico. Però se io voglio richiamare l'attenzione su questa cosa, posso usare la parola "ecco".

Ma passiamo al secondo modo di usare la parola "ecco"!

In secondo luogo, la parola ECCO può essere usata per indicare una persona o una cosa che appare all'improvviso.

Per esempio, facciamo finta che io e una mia amica stiamo aspettando il nostro amico Giovanni.Siamo fermi per strada e a un certo punto io vedo Giovanni che scende da un autobus. Io alla mia amica potrei dire: "Ecco Giovanni!".

Oppure, un altro esempio potrebbe essere il seguente.

Facciamo finta che io mio amico stiamo aspettando il treno. Siamo fermi al binario, o meglio sulla banchina, e a un certo punto io in lontananza vedo il treno che si sta avvicinando. In questo caso, appena vedo il treno, io posso esclamare: "Ecco il nostro treno!"

Quindi, come vedi, questo secondo modo di usare la parola "ecco" in realtà è piuttosto  simile al primo. Semplicemente in questo caso si tratta di qualcosa che compare all'improvviso.

Ma vediamo il terzo modo di usare la parola ECCO!

La parola ECCO può essere usata anche per sottolineare un fatto o un avvenimento.Per esempio: "Ecco cosa succede quando uno fa le cose in fretta e non presta attenzione!".

Un altro esempio potrebbe essere questo: "L'ho sempre aiutata ed ecco il risultato!"

In questo caso la parola "ecco" mette in risalto un fatto o un avvenimento.

Passiamo al quarto significato di "ecco"!

In alcuni casi, "ecco" può introdurre l'inizio di un racconto, di una narrazione o di una spiegazione.

Per esempio, io posso dire: "Ecco come è andata" e poi raccontare la vicenda in questione.

Oppure potrei dire: "Ecco come stanno le cose" e poi spiegare come stanno le cose.

Quindi in questo caso la parola ECCO introduce una spiegazione, cioè prima c'è la parola "ecco" e poi viene la spiegazione.

Ma vediamo il quinto significato della parola "ecco"!

La parola ECCO può essere usata anche come conclusione. Quindi non soltanto per iniziare un racconto o una spiegazione, come abbiamo visto prima, ma anche per concludere un discorso. Questa cosa è abbastanza curiosa perché la parola "ecco" sì può usare sia come introduzione sia come conclusione.

Ti faccio un esempio con la parola "ecco" usata per concludere un discorso.

Per esempio facciamo finta che uno studente non abbia fatto i compiti di italiano.

Quando la professoressa gli chiede perché non ha fatto i compiti di italiano, lo studente spiega il motivo per cui non ha fatto i compiti italiano.

Dopo aver spiegato il motivo, lo studente potrebbe concludere dicendo: "Ecco perché non ho fatto i compiti".

Oppure, un altro esempio potrebbe essere il seguente. Facciamo finta che una persona mi chieda perché io le abbia risposto in un determinato modo.

Io a questa persona potrei rispondere:"Ero arrabbiato. Ecco perché ti ho risposto così". Oppure potrei dire semplicemente: "Ero arrabbiato. Ecco perché".

Vediamo il sesto modo di usare la parola "ecco"!

Spesso la parola "ecco" si unisce alle particelle pronominali.

Per esempio, quando io arrivo in un posto dove ci sono delle persone che mi stavano aspettando, potrei dire: "Eccomi!" In questo caso non dico "ecco", ma dico "eccomi". Quindi c'è "ecco" più la particella pronominale "mi". A livello di significato, "eccomi" significa: sono arrivato, sono qui.

Analogamente, quando io e un mio amico, oppure io e un'altra persona, arriviamo in un posto in cui ci sono delle persone che ci stavano aspettando, io posso dire, per conto di entrambi: "Eccoci!" In questo caso io non dico "eccomi", ma dico "eccoci", perché non sono soltanto io, ma siamo in due. "Eccoci" è dato dall'unione di ECCO più CI, che è la particella pronominale  per la prima persona plurale, cioè noi. Quindi "eccoci" fondamentalmente  significa: siamo arrivati, siamo qui.

Se invece io sto aspettando te, quando ti vedo posso dire: "Eccoti!". "Eccoti" è dato dall'unione di "ecco" più "ti".

Se sto aspettando te ed altre persone, quando vi vedo arrivare posso dire: "Eccovi!". Vi è la particella pronominale che corrisponde al pronome voi.

Allo stesso modo, se io mio amico stiamo aspettando Roberto e io a un certo punto lo vedo, posso dire al mio amico: "Eccolo!". In questo caso la parola "ecco" si è unita al pronome LO e quindi dico "Eccolo!".

Se invece stavo aspettando Laura, quindi un soggetto femminile, dirò: "Eccola!".

Se stavo aspettando Laura ed Elisa, quindi più soggetti femminili, dirò "Eccole!"

Ma passiamo al settimo modo di usare la parola "ecco"!

Il settimo modo di usare la parola "ecco" in realtà riguarda un'espressione molto, molto, molto comune, che è "Ecco fatto!".

Questa frase viene usata quando si finisce un lavoro, cioè quando un lavoro è stato completato e non c'è più nient'altro da fare. Quando la persona ha finito, può dire: "Ecco fatto!". Che significa? Significa ho finito.

Per esempio, se ti si guasta il rubinetto del lavandino e tu chiami l'idraulico, no? L'idraulico lavora e quando ha finito il lavoro dice: "Ecco fatto!". Cosa significa? Ho finito.

Ma passiamo all'ottavo significato di "ecco".

La parola ECCO viene spesso usata nella lingua parlata come particella riempitiva per rendere la frase più forte oppure più espressiva. A seconda dei casi e della frase specifica, trasmette una sfumatura leggermente diversa.

Ti faccio un esempio! "Non voglio insistere, ma, ecco, forse ti conviene pensarci bene". In questo caso la parola "ecco" non ha un significato preciso. Io potrei benissimo dire:"Non voglio insistere, ma forse ti conviene pensarci bene". Però diciamo che forse la parola "ecco" rende la frase un po' più forte, più espressiva.

Allo stesso modo, io potrei dire: "Ecco, volevo parlarti di una cosa". Cosa significa ECCO in questa frase? In realtà non significa niente, è più una particella riempitiva. Cioè io potrei benissimo dire: "Volevo parlarti di una cosa".

Personalmente, se una persona mi  dice "Ecco, volevo parlarti di una cosa", a me sembra che la persona sia leggermente imbarazzata e per questo motivo sta prendendo tempo e quindi usa questa particella, diciamo riempitiva, e dice "ecco" per prendere tempo.

Però è anche vero che se mi succede qualcosa di brutto, io potrei dire: "Ecco, ci mancava anche questa!". Oppure: "Ecco, ci mancava solo questa!". In questo caso la parola "ecco" rende la frase più forte, più espressiva, diciamo.

Chiaramente poi molto dipende dal modo in cui viene pronunciata questa parola, cioè dall'intonazione. Perché un conto è se uno dice "Ecco, ti volevo parlare di una cosa", e un altro se uno dice "Ecco, ci mancava solo questa!". La parola è la stessa, ma viene pronunciata in modi completamente diversi.

Un altro esempio potrebbe essere: "Ecco, lo sapevo!". Cosa significa "ecco" in questa frase? Non significa niente. Semplicemente rende la frase più forte. Io potrei benissimo dire:  "Lo sapevo!". Semplicemente la frase con "ecco" è leggermente più forte, più espressiva.

Spero che sia tutto chiaro! Se hai delle domande, fammelo sapere nei commenti!

Se vuoi parlare l'italiano in modo naturale, ti consiglio caldamente di iscriverti e di attivare le notifiche. Su questo canale, infatti, pubblico regolarmente delle lezioni di italiano per stranieri.

Qui ti lascio una video lezione che ti consiglio caldamente di guardare. Se vuoi parlare l'italiano in modo naturale, mi raccomando, dalle un'occhiata!

Outro del canale Learn Italian with Luca - UnlearningItalian

Per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove lezioni,
ISCRIVITI al mio canale YouTube e attiva le notifiche!

Il mio canale è: Learn Italian with Luca - unlearningitalian.

Sul mio canale puoi trovare quasi 400 lezioni gratuite di italiano.

Di solito pubblico una o due nuove lezioni a settimana.

Guarda anche queste lezioni!