Errori comuni in italiano

Uno degli errori che vengono fatti più spesso da chi studia l'italiano come lingua straniera

In questo video spiego un errore che viene fatto molto spesso da chi studia l'italiano.

L'errore riguarda due espressioni apparenemtente simili che hanno però un significato completamente diverso: "fare senso" e "avere senso".

Se vuoi sapere come evitare uno degli errori più comuni in italiano, clicca sul video qui sotto!

Altri errori comuni:

Uno degli errori più comuni in italiano:
Usare l'espressione "fare senso" al posto di "avere senso".

In questo video spiego come evitare un errore piuttosto diffuso, che riguarda due espressioni apparentemente simili che però significano due cose diverse: "fare senso" e "avere senso".

Nel video spiego qual è la differenza tra queste due espressioni idiomatiche.

Nota: Questo è un video per chi sta imparando la lingua italiana. Per "errori più comuni in italiano" intendo gli errori fatti da chi studia l'italiano come lingua straniera, non gli errori commessi dai madrelingua italiani.

Se vuoi parlare bene l'italiano evitando gli errori più diffusi, questo video fa per te!

Per maggiori informazioni sul video, clicca qui!

Se stai imparando l'italiano, ISCRIVITI al canale YouTube unlearningitalian.org! Su questo canale, infatti, pubblico regolarmente delle videolezioni in cui spiego gli errori più comuni e come evitarli.

Cos'è questo video?

In questo video parlo di uno degli errori più comuni in italiano* e indico come evitarlo. L'errore riguarda i modi di dire "avere senso" e "fare senso".

Nel video qui sopra:

  • spiego in modo dettagliato questo errore;
  • faccio alcuni esempi concreti con questo errore;
  • spiego come bisognerebbe dire nei vari casi (quale espressione bisogna usare in un dato contesto).

*Nota: Quando dico "gli errori più comuni in italiano" mi riferisco agli errori fatti da chi studia l'italiano come lingua straniera, non agli errori fatti dai madrelingua italiani. Questi video sono delle lezioni di italiano per stranieri.

Per chi è pensato questo video?

Questa è una lezione di italiano per stranieri. In altre parole, questo video è pensato per chi sta imparando l'italiano come lingua straniera. Mi riferisco, ad esempio, a:

  • chi sta imparando la lingua italiana da autodidatta, per esempio guardando dei video su YouTube;
  • chi sta seguendo corsi o lezioni di italiano;
  • chi sta imparando l'italiano con delle lezioni private; ecc.

Queste persone spesso fanno l'errore di cui parlo nel video. Il video si rivolge alle persone interessate a parlare bene l'italiano evitando gli errori più diffusi.

Trascrizione completa del video (testo integrale)

Di seguito trovi il testo del video (l'ho trascritto manualmente parola per parola).

Questo è un video per chi sta studiando o imparando l'italiano. In questo video parlo di un errore che viene fatto molto spesso dalle persone che stanno imparando l'italiano. Quindi non mi riferisco ai madrelingua, mi riferisco a quelle persone che stanno imparando l'italiano come lingua straniera. L'errore riguarda le espressioni FARE SENSO e AVERE SENSO. Di solito l'errore consiste nell'usare l'espressione "fare senso" al posto dell'espressione "avere senso". Se stai cercando dei video che ti aiutino ad evitare gli errori più comuni in italiano, sei nel posto giusto! Ciao a tutti, io sono Luca e in questo epico video volevo parlare di un errore molto comune, che viene fatto molto spesso dagli stranieri che studiano l'italiano. L'errore riguarda due espressioni apparenemente simili, che però hanno un significato completamente diverso. Da un lato c'è l'espressione "avere senso", dall'altro c'è l'espressione "fare senso". Ho notato che molti stranieri usano l'espressione "fare senso" quando in realtà vorrebbero dire "avere senso". Ma cerchiamo di capire cosa significa ciascuna espressione. Partiamo da "avere senso". Di solito quest'espressione la troverete in frasi negative, quindi con davanti l'avverbio "non". Quindi probabilmente la forma più comune è "non ha senso". Delle varianti potrebbero essere: "Non ha proprio senso", "Non ha assolutamente senso", e così via. Ecco, altre varianti potrebbero essere: "Non ha molto senso", oppure "Non ha troppo senso". Queste forme sono un po' meno forti e vengono percepite come un po' meno dirette. Quindi, se io dico "non ha senso" è un conto. Se dico "non ha molto senso", è una forma un po' meno forte. Il significato chiaramente è lo stesso. Poi questa frase può essere inserita in frasi più complesse, per esempio: Non penso che abbia senso, Non credo che abbia senso e così via. Cosa voglio dire, se dico che una determinata cosa non ha senso? Voglio dire che è assurda. Che non è ragionevole. Che non è logica. Quindi, se qualcuno mi dice qualcosa, e io gli rispondo: "Questa cosa non ha senso", voglio dire che secondo me questa cosa è assurda, non è ragionevole. Non è logica. Quindi, ecco, credo che sia chiaro. Se io dico che qualcosa non ha senso, voglio dire che questa cosa secondo me è assurda oppure non è logica. Per esempio, se stiamo parlando di un progetto e io dico "Questo progetto non ha senso", voglio dire che secondo me questo progetto è completamente assurdo. Non so se conoscete l'aggettivo "ragionevole". Ecco, se io dico che un progetto non ha senso, voglio dire che non è un progetto ragionevole. Non è un progetto fatto con la ragione. Cioè non è un progetto razionale. Ma insomma, è inutile che io vi dica altre parole. Sicuramente conoscete la parola "assurdo". Quindi capite che "non ha senso" è come dire "è assurdo". Ah, sì, ecco! Poi noi possiamo anche usare la frase "non ha senso" per introdurre una subordinata. Per esempio io potrei dire: "Non ha senso che io mi metta a spiegarvi la parola assurdo". Oppure: "Non ha senso che io mi metta a ripetere cose che ho già detto". Anche in questo caso "non ha senso che" vuol dire: non è logico che. Ricordatevi che in frasi di questo tipo sarebbe meglio usare il congiuntivo. Per esempio, potrei dire: "Non ha senso che io vi chieda di mette un Mi piace qua sotto, però se volete farlo... fatelo pure!". Un altro esempio potrebbe essere: "Non ha senso che tu mi accompagni fino a casa e poi torni a casa da solo". Insomma, avete capito le espressioni "non ha senso" e "non ha senso che". Volendo si può usare in frasi affermative, quindi senza l'avverbio "non". Diciamo che queste forme sono meno comuni. Un esempio di frase affermativa potrebbe essere: "Penso che abbia più senso fare come dici tu". Cosa significa? Penso che sia più logico fare come dici tu. In altre parole: penso sia meglio seguire il tuo consiglio. Oppure, se volessimo usare l'indicativo, potremmo dire: Ha più senso fare come dici tu. Volendo fare un esempio con una domanda, potremmo dire: Secondo te ha senso fare così? E la risposta potrebbe essere: "Sì, secondo me ha senso". Oppure: "No, secondo me non ha senso". "Sì ha senso" vuol dire: è una cosa logica, non è una cosa assurda. Ecco, io vi ho fatto degli esempi esclusivamente con la terza persona singolare del presente indicativo e del congiuntivo presente. Volendo si potrebbero fare anche altri esempi. L'importante è capire che il verbo è AVERE, quindi la combinazione di parole è "avere senso". Non è "fare senso", che ha un significato completamente diverso. Se io dico che una cosa ha senso, voglio dire che è una cosa ragionevole e logica. Se invece dico che una cosa fa senso, voglio dire che questa cosa è talmente disgustosa o raccapricciante che causa una sensazione di malessere o addirittura la nausea. Cioè fa venire la nausea. Quindi "fa senso" è vicino a "fa venire la nausea". Come dicevo, viene detto di cose che fanno venire da vomitare. Cioè uno vede queste cose e gli viene da vomitare. Ecco, può dire che queste cose fanno senso. Quindi questa cosa viene detta in riferimento a cose disgustose oppure raccapriccianti. Cose che stimolano il vomito, diciamo. O meglio, diciamo che "fa venir da vomitare" è una variante un po' più forte. Una cosa può anche fare senso senza far venire da vomitare. Quindi l'espressione "fa senso" è vicina a "fa venire la nausea", "è disgustoso". Poi nei casi estremi "fa venir da vomitare". Un esempio potrebbero essere le scene di determinati telefilm. Adesso vanno di moda quei telefilm polizieschi, diciamo, in cui i protagonisti fanno parte della polizia scientifica, per esempio CSI. Sicuramente conoscete la serie televisiva CSI. Ecco, in questi film, spesso fanno vedere l'autopsia dei cadaveri. In particolare fanno vedere anche determinati particolari. Ecco, potremmo dire che queste scene fanno senso. Perché? Perché per molte persone sono raccapriccianti. Cioè perché un conto è se uno è un medico ed è abituato a vedere scene di questo tipo. E un altro è se uno non è un medico e non è abituato a vedere cadaveri dalla mattina alla sera. Quindi io potrei dire, per esempio: "Io quelle scene non le guardo, perché mi fanno senso". Cosa voglio dire? Che le trovo disgustose e raccapriccianti. Ecco, diciamo che l'espressione "fare senso" si può usare così, in generale. Oppure si può usare insieme a un pronome. Nel primo caso la cosa viene presentata come oggettiva, obiettiva. Nel secondo caso si spiega che questa cosa è disgustosa per determinate persone. Per esempio, se io dico: "Queste scene mi fanno senso", sottolineo il fatto che queste scene sono disgustose per me. Poi, chiaramente posso usare gli altri pronomi. Posso dire: "Ti fanno senso", "Gli fanno senso", "Le fanno senso", "Ci fanno senso", "Vi fanno senso" e "Gli fanno senso". Io ho fatto gli esempi con il plurale, cioè "fanno senso", perché comunque ho usato il sostantivo plurale "scene". Volendo potete usare il sostantivo al singolare "scena". In questo caso dovrete dire: "fa senso". Io ho fatto l'esempio col presente, ma sono possibili anche altre forme. Per esempio, io potrei dire "Queste scene mi hanno sempre fatto senso". Oppure potrei usare l'imperfetto e dire: "Da bambino queste scene mi facevano senso". Che significa? Che quando ero bambino, queste scene le trovavo disgustose e raccapriccianti. Ecco, come vedete, queste due espressioni hanno un significato completamente diverso. Quindi mi raccomando: fate attenzione! Perché se voi dite "Il tuo progetto mi fa senso", la persona potrebbe capire che il suo progetto vi fa schifo. Se volete dire che il suo progetto è ragionevole, dovete dire "il tuo progetto ha senso". Ecco, questo è quanto! Qua in alto magari vi metto il link a un video che ho fatto qualche tempo fa su un altro errore molto comune. Se volete sapere di che errore si tratta, mi raccomando, date un'occhiata al video!